• POGGIO MIRTETO, IL PROGETTO AGRICERCANDO ARRIVA AL MERCATO CONTADINO

    • 14/05/2018
    Il progetto Agricercando continua il suo itinerario tra le eccellenze del Lazio.  Domenica 13 maggio è stato il turno di Poggio Mirteto (Scalo) dove, presso il mercato contadino, i volontari di Konsumer hanno presenziato con il loro solito gazebo per avvicinare cittadini e produttori.
    Una giornata ricca di scambi, in cui sono state raccontate storie, speranze, opinioni ed in cui gli esperti di Konsumer hanno diffuso materiale informativo sui temi cardini su cui si basa il progetto Agricercando: filiera corta, mercati contadini, promozione dei prodotti locali. 
    "Il nostro obiettivo è quello di avvicinare i produttori ai consumatori e lo stiamo facendo attraverso una serie di iniziative nel Lazio, anche qui nel reatino, volte a valorizzare le eccellenze produttive locali, - afferma Fabrizio Premuti, presidente Konsumer Italia-. Vogliamo sensibilizzare i cittadini ad acquistare cibi e prodotti direttamente da contadini e allevatori della zona, per sostenere l'economia circolare e creare un'alleanza fiduciaria tra i due estremi della filiera".
    La giornata è stato un momento di confronto utile a generare “cultura” sui temi di Agricercando, dando voce ad agricoltori, allevatori ed imprenditori locali che, in molti casi, vantano produzioni di altissima qualità con decenni di storia alle spalle. "Promuovere le eccellenze locali e valorizzarne le differenze significa creare concretamente circuiti di produzione e consumo virtuosi, rivolti ad acquisti consapevoli e di qualità, - conclude l'Avv. Maria Antonietta Cenciarelli, Responsabile territoriale Konsumer Rieti, -. Ciò riveste particolare importanza in un territorio come il nostro, già vessato dagli eventi sismici, in cui valorizzare le eccellenze produttive locali significa dare un'iniezione di fiducia e solidarietà quanto mai necessaria".
     
    Continua...
  • Grazie agli olivocoltori sulle nostre tavole continuerà ad arrivare olio EVO Premuti: Pericolo scampato per l’olivicoltura nazionale

    • 10/05/2018

    Non erano certamente i produttori Italiani a voler eliminare i panel test tra le prove di qualità dell’olio extravergine di oliva. L’Italia produce dell’olio EVO eccellente, anche grazie alle centinaia di cultivar che troviamo nei nostri oliveti e ad una certosina catena produttiva ipercontrollata. La stessa cosa non si può dire per Paesi abituati a produrre olio con procedure e controlli ben differenti dai nostri.

    I paesi del nord Africa, la Spagna e la Grecia producono olio di oliva; un olio non dannoso per chi lo consuma, ma dall’assoluta imparità, a livello qualitativo, con quello italiano. Per questo in seno al Consiglio Oleicolo Internazionale si era pensato di abolire l’unico esame che fa la differenza nel giudicare la qualità di un olio EVO, il Panel Test. Una eventualità che, fortunatamente, è stata sventata poiché il Consiglio ha fatto propria la posizione dell’Italia, ovviamente contraria alla sua abolizione.

    “Quello che stupisce è che taluni imbottigliatori, anche italiani o presunti tali, abbiano visto nell’abolizione del panel test un motivo di giubilo, -afferma Fabrizio Premuti, Presidente Konsumer Italia-.  Certo acquistare olio altrove, magari godendo di agevolazioni fiscali e di politica internazionale, fa gola al portafoglio; mettiamoci anche i costi sociali rappresentati dalle nostre aziende in difficoltà per una concorrenza sleale. Tuttavia resta fondamentale la necessità di offrire il miglior prodotto possibile al consumatore e questo è garantito anche dal panel test”.

    Dunque l’abolizione del Panel Test è stata sventata e per questo Konsumer Italia ringrazia la tenacia e la determinazione dei nostri produttori: per una volta ha prevalso il buon senso e la ragione.

     

    Continua...
  • Konsumer in visita alla scuola Dante Alighieri di Ceprano per parlare dei temi di Agricercando

    • 07/05/2018

     

    Il progetto Agricercando continua il suo itinerario nel Lazio. Oggi è stato il turno di Ceprano dove, presso l’Istituto Comprensivo “Dante Alighieri”, i volontari dell'associazione di consumatori Konsumer, hanno distribuito materiale informativo, somministrato i questionari sui temi di Agricercando ma, soprattutto, sono intervenuti in aula magna per parlare con gli studenti delle classi seconde.

     

    “E’ stato un momento formativo importante, a cui i ragazzi hanno mostrato grande attenzione ed interesse, -commenta Fabrizio Premuti, presidente dell'associazione di consumatori Konsumer Italia-, sensibilizzarli sui temi trattati dal nostro progetto è di fondamentale importanza per avere una generazione consapevole, che un domani sarà portatrice di una cultura più attenta ai consumi ed alla qualità dei prodotti”.

     

    Una giornata ricca di scambi, in cui si sono raccontate storie e raccolte testimonianze e suggerimenti dal mondo scolastico. Un momento di confronto utile a generare “cultura” sui temi della lotta agli sprechi alimentari, l’agricoltura di prossimità, la filiera corta.

     

    “Grazie al progetto Agricercando abbiamo potuto visitare molte aziende Agricole del territorio ed entrare a contatto con diverse porzioni di cittadinanza, - commenta l’Avv. Laura Aramini, vice Presidente regionale,- per questo abbiamo voluto coinvolgere anche i ragazzi in età scolare: poiché essi rappresentano i futuri consumatori ed è essenziale che siano anch’essi formati ed informati sulle tematiche della lotta allo spreco alimentare e del consumo consapevole dei prodotti. Colgo l’occasione per ringraziare il Dirigente scolastico dell’Istituto, Prof. Roberto Pellegrini, per la gentile collaborazione."

    Oggi questo ed altri messaggi sono passati dalla voce degli esperti di Konsumer fino ai ragazzi. Agricercando continuerà il suo percorso prossimamente, anche qui nel basso Lazio, per promuovere la lotta agli sprechi alimentari, valorizzare le produzioni locali, la filiera corta e l’economia circolare.

     

    Continua...
  • AGRICERCANDO FA TAPPA AD ARPINO

    • 28/04/2018

    Il progetto Agricercando continua il suo itinerario tra le eccellenze del Lazio. Domenica 29 aprile è il turno di Arpino, dove lo stand di Konsumer sarà presente all'interno della manifestazione enogastronomica "Collecarino frigge", (località Collecarino, dalle 10 alle 18), per avvicinare cittadini e produttori sotto le proprie bandiere.

    Una giornata ricca di scambi, in cui saranno raccontate storie, speranze, opinioni ed in cui gli esperti di Konsumer diffonderanno materiale informativo sui temi cardini su cui si basa il progetto Agricercando: filiera corta, mercati contadini, lotta agli sprechi alimentari, promozione dei prodotti locali. In particolare, saranno somministrati dei questionari per comprendere quanto i cittadini ne sappiano sull'agricoltura di prossimità, la vendita diretta, gli orti urbani e la lotta agli sprechi alimentari.

    "Il nostro obiettivo è quello di avvicinare i produttori ai consumatori e lo stiamo facendo attraverso una serie di iniziative, nel Lazio ed in particolare qui nel frusinate, volte a valorizzare le eccellenze produttive locali, - afferma Fabrizio Premuti, presidente Konsumer Italia-. Il nostro obiettivo è sensibilizzare i cittadini ad acquistare cibi e prodotti locali, direttamente da contadini e allevatori della zona, per sostenere l'economia circolare e creare un'alleanza fiduciaria tra i due estremi della filiera".

    La giornata sarà un momento di confronto utile a generare “cultura” sui temi di Agricercando, dando voce ad agricoltori, allevatori ed imprenditori locali che, in molti casi, vantano produzioni di altissima qualità con decenni di storia alle spalle.

     

     

    Continua...
  • L’AGCM PRESENTA RICORSO AL CONSIGLIO DI STATO PER LA SENTENZA LIDL SULL’OLIO EVO ESULTANO LE ASSOCIAZIONI DI CONSUMATORI

    • 16/04/2018
     
    Dopo la discutibile sentenza del TAR sul caso LIDL, che aveva venduto per extravergine un olio che, tanto nel test del Salvagente del giugno 2015 che nelle analisi ripetute dal Nas, era risultato semplice vergine, l’Authority ha finalmente presentato appello al Consiglio di Stato. La volontà è evidentemente quella di ribaltare la decisione dei giudici amministrativi che hanno annullato la multa di 550 mila euro comminata dalla stessa Antitrust. Le associazioni CODICI e KONSUMER oltre ad Aeci, Primo Consumo, Casa del consumatori ed utenti radiotelevisivi, costituitesi ad adiuvandum nel procedimento, esultano ed elogiano l’operato dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato.
    “Fortunatamente l’AGCM ha accolto l’appello delle associazioni di consumatori che hanno alzato le barricate contro quell’assurda sentenza del TAR, - chiosa Fabrizio Premuti, presidente Konsumer Italia-, lanciando così un messaggio chiarissimo, ovvero che sulla difesa della qualità e della sicurezza alimentare la partita è aperta e nessuno è disposto a cedere neanche un centimetro, per quanto ci riguarda sull'olio EVO siamo disposti a qualsiasi sacrificio, non ci fermano neanche le querele con rinvio a giudizio di taluni imbottigliatori”.
    Nel ricorso presentato dall’ AGCM, si legge che “il T.A.R. Lazio non solo ha disatteso apertamente la consolidata giurisprudenza […] ma sembra aver altresì confuso “l’elemento psicologico dell’illecito” con la “contrarietà alla diligenza professionale” della pratica commerciale oggetto di accertamento” in cui, tra l’altro, gli stessi giudici avevano dichiarato l’ingannevolezza per aver venduto un olio vergine per extra vergine.
    “La diligenza burocratica non può prevalere come principio sulla qualità e sulla sicurezza alimentare, - aggiunge Ivano Giacomelli, segretario nazionale di CODICI-, per questo plaudiamo alla decisione dell’Antitrust di presentare appello al Consiglio di Stato, così da tenere alto il livello di attenzione e salvaguardare il diritto dei consumatori ad avere una corretta informazione”.
    Continua...