Vigiliamo sui contratti di vigilanza

Vigiliamo sui contratti di vigilanza

  • 08/10/2018

AVV. MELPIGNANO: "L'ABUSO DELLA PARTE FORTE NEI CONTRATTI VA DENUNCIATO E SANZIONATO" – SCARICATE IL MODULO DI CONTESTAZIONE

 

La stipula di un contratto, si sa, rappresenta sempre un'operazione complessa e delicata, che reca con sè l'assunzione di responsabilità di rilievo e, talvolta, anche di rischi.

Quando ci si trova, poi, nelle vesti del consumatore, parte debole del rapporto, è opportuno aumentare all'ennesima potenza il livello di attenzione. Questo vale, a maggior ragione, nel caso dei contratti per adesione, destinati a regolare una serie indefinita di rapporti, poiché vengono predisposti unilateralmente dal contraente forte e fatti sottoscrivere all'utente.


Konsumer Italia ha ricevuto numerose segnalazioni relative a contratti per servizi di vigilanza sulla propria casa in cui si celano due clausole vessatorie.

La prima clausola stabilisce la durata triennale del contratto, con  una tacita proroga per altri cinque anni, durata quindi ben più lunga (quasi il doppio) rispetto a quella inizialmente pattuita.
Il contratto addirittura, dopo la prima proroga quinquennale, prevede ulteriori rinnovi di cinque in cinque anni, a meno che non venga notificato il recesso sei mesi prima di ciascuna scadenza.

La seconda clausola stabilisce quale foro competente per le controversie, la competenza in via esclusiva del Foro di Como o del Foro di Torino, in luogo del foro del consumatore.

Questa pratica commerciale scorretta deve essere contestata alla società di vigilanza e denunciata all'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, affinché la stessa possa adottare i provvedimenti più opportuni al riguardo.

Consigliamo ai consumatori di controllare le clausole dei propri contratti e eventualmente di contestare le clausole vessatorie utilizzando il modulo qui scaricabile.

 

 

Avv. Massimo Melpignano
Responsabile Nazionale Banca e Finanza Konsumer Italia